Agevolazioni per aree degradate

Agevolazioni per aree degradate


Superare le situazioni di crisi socio-ambientale nelle aree di degrado economico e sociale della città di Bari. Risponde a questi obiettivi il programma di intervento messo a punto dall' assessorato all' Economia del Comune di Bari con i fondi rivenienti dal finanziamento ministeriale del 7 agosto 1997.
Per Bari saranno a disposizione 1 milione e 600mila euro, ovvero il 4% dei 39 milioni di euro destinati in base alla popolazione alle dieci città metropolitane italiane.
«Gli interventi serviranno - ha sostenuto presentando il progetto il sindaco Michele Emiliano - a incidere sulla vita della città trasformando i suoi quartieri con un programma di azione combinata». In pratica tutte le nove circoscrizioni della città, esclusa Murat-San Nicola che non risulta commercialmente depressa e degradata, potranno usufruire previo progetto di un massimo di finanziamento di 40mila euro di cui il 50% a fondo perduto e l'altro 50% tramite un prestito agevolato.
Soggetti beneficiari saranno le piccole imprese, le cooperative anche onlus, gli artigiani a patto che non abbiano già in corso agevolazioni superiori a 100mila euro nei tre anni. Il 92% del finanziamento sarà destinato all'agevolazione alle imprese e l' 8% verrà destinato alla copertura delle spese.
«La circoscrizione di Enziteto, avrà il punteggio massimo per i progetti presentati, al fine di incanalare il massimo dei finanziamenti per creare servizi in quella zona. Inoltre, sempre per sostenere e rilanciare il commercio a Bari va ricordato che per una convenzione approvata in Consiglio comunale e definita di pubblica utilità qualunque azienda si installi sul territorio comunale verserà all'amministrazione una somma pari a 50 euro al metro quadrato che sarà destinata proprio ad iniziative nell' ambito del commercio della città».
Gli interventi previsti nelle 13 aree urbane degradate delle circoscrizioni potranno riguardare la ristrutturazione e non l'acquisto di immobili, l'acquisto di impianti, macchinari, attrezzature ed arredi funzionali all'attività di impresa, sistemi informativi e di sicurezza ambientale di lavoratori e consumatori.
«Il Comune di Bari sarà responsabile dei controlli sulle procedure e sugli investimenti e garantisce sin da ora la certezza dei tempi del programma: la pubblicazione del bando ad ottobre 2005, la scadenza per la presentazione delle domande a dicembre dello stesso anno, l'ammissione dei progetti entro aprile 2006».
Fonte:

Articoli correlati

News

Marco mengoni: debutto pe...

13/07/2019 | luigirizzo

marco mengonial debutto di fuori atlantico tourdal labirinto piÙ grande del mondo  sono giÀ tre i sold out del tour autunnale milan...

News

Al via il 18 luglio apoli...

12/07/2019 | luigirizzo

Associazione culturale to locals & associazione culturale hiroshima mon amour presentano   la xvi edizione dell'appuntamento cult dell'estate piemontese dal 18 al 2...

News

Nek grande successo pe...

12/07/2019 | luigirizzo

È stato nek filippo neviani ad aprire la terza edizione di risorgimarche, il festival solidale ideato da neri marcorè interamente dedicato a promuovere i territori c...

2445150 foto scattate

16285985 messaggi scambiati

981 utenti online

1562 visitatori online