Nightguide intervista gli Ade

Nightguide intervista gli Ade


I romani Ade sono tornati con un nuovo disco di Ancient roman death metal: Rise of the empire è in uscita l'otto Novembre e promette non solo di ravvivare la fiamma dei fan di vecchia data, ma di attrarne anche di nuovi. La presentazione live del disco è il programma il 29 Novembre al Traffic di Roma, e non poteva accadere in altra città visto l'amore che la band prova per la storia dell'Antica Roma. Il disco è preceduto dal singolo Empire, corredato da un lyric video, e i preordini del digipack deluxe sono già attivi cliccando qui.





Rise of the Empire è in arrivo, e avete detto che ci sono novità che faranno avvicinare anche le nuove generazioni: cosa dobbiamo aspettarci quindi da questo nuovo lavoro degli Ade? L'idea di far avvicinare ragazzi più giovani alla musica estrema mi sorride un sacco, come pensate di farlo?
Sicuramente molto ambiziosa come idea eheh. Abbiamo lavorato molto sul non snaturare il nostro sound tornando ad essere ancor più concretamente death metal senza compromessi, ma inserendo caratteristiche "inusuali" presenti solo su questo album che potrebbero strizzare l'occhio ai nuovi ascoltatori del genere. Ascoltare per credere...


Ho sempre ascoltato folk metal da mezzo mondo, ed effettivamente quello che sembra prendere più piede è sempre stato il folk metal di matrice celtica. Pensate che l'ancient Roman death metal possa inserirsi in questa corrente musicale, da intendere come modo di raccontare la storia del proprio popolo con la musica?
Non definiremmo la nostra musica una radice del folk metal ma più una influenza. E' vero che ci sono molti momenti in cui si può apprezzare musica antica, ma la struttura principale è puro death metal. Sicuramente negli ultimi anni sono uscite varie band che parlano di Roma e possono dire la loro nel genere.


Domanda nata dalla curiosità personale: cos'è che vi affascina in particolare della storia dell'antica Roma?Tutti i dischi trattano di argomenti che ci affascinano...la cosa più affascinante è fare musica parlando della nostra storia.


Avete scelto Empire come primo singolo, ed è un pezzo di una potenza innegabile: lo userete per trascinare anche tutti gli altri pezzi del disco? Perchè come pezzo di apertura di un live ce lo sentirei benissimo.
Non è stato scelto per caso: Empire non solo funge da prologo per l'intera storia ma è anche il pezzo che più di tutti riassume lo spirito musicale dell'album...ovviamente le sorprese non finiscono qui.


Ade è una delle mie divinità preferite: fa il suo, sta nel suo, pensa al suo ma se lo fai incazzare diventa un pericolo pubblico. Quindi, per amore di uno dei miei dei preferiti e per curiosità pura, come mai avete scelto proprio lui per il nome della band? E' l'idea degli inferi o c'è qualcosa di più?
Mettiamola così: molte persone all'interno dei nostri album finiscono laggiù. In fin dei conti, chiamarci Ade è un giusto tributo!


Porterete Rise of the Empire in giro per un tour? Sapete già come vi muoverete a grandi linee?
Ancora non abbiamo niente in mente, solo che presenteremo il nuovo disco il 29 Novembre al Traffic di Roma.


C'è una canzone che mi incuriosisce particolarmente: Ptolemy has to fall. Non avendo a disposizione i testi, ma avendo ascoltato il disco (con gioia e soddisfazione, onestamente) non posso che chiedere a voi come mai Tolomeo deve cadere, a parte per il fatto che ha messo la Terra al centro del Sistema solare.
Quello che dici te era un astronomo greco, il “nostro” Tolomeo era uno dei re d'Egitto nonché fratello della ben più nota Cleopatra e nemico di Cesare!

ade, extreme metal music, interviste musica, rise of the empire

Articoli correlati

Interviste

Nightguide intervista ant...

05/12/2019 | luigirizzo

Sulle tracce della gioconda, in un viaggio nel tempo tutto da ridere, come sempre en travesti. Passato e presente, tradizione e attualità. C'è tutto il mondo de i legn...

Interviste

Intervista a luca brunoni...

05/12/2019 | iltaccuinopress

Luca brunoni (lugano, 1982) è uno scrittore e professore universitario. Esordisce nella narrativa con “il cielo di domani” (fontana edizioni, 2016). “Silenzi” (g...

Interviste

Nightguide intervista gli...

03/12/2019 | elisa-hassert

Gli sleeping with sirens annunciano quello che sarà il tour europeo da headliner a supporto del disco “how it feels to be lost” uscito lo scorso 6 settembre. La form...

2445150 foto scattate

16403079 messaggi scambiati

865 utenti online

1377 visitatori online