Nightguide intervista Succi

Nightguide intervista Succi


Carne cruda a colazione è il nuovo album di Succi, uscito il 20 Settembre per La Tempesta Dischi-Soviet studio. Carne cruda a colazione è il secondo lavoro solista del cofondatore e autore dei Bachi da pietra: prodotto da Ivan  Rossi, il disco arriva a due anni dal precedente Con Ghiaccio, dopo il vinile per sola voce in cui ha inciso i versi di Giorgio Caproni de "Il conte di Kvenhuller" e un album di cover di brani di Paolo Conte chiamato Lampi per Macachi.
Carne cruda a colazione contiene dieci brani: "Ogni mia canzone è carne viva - spiega l'artista - te la presento cruda, battuta al coltello, pezzo dopo pezzo: una proposta che non è fuori dal mondo, solo fuori dallo schema. Neanche gli algoritmi sanno dove collocarmi, poveracci. Sarà un difetto? Sono difettoso. Sono un prendere o lasciare. Carne cruda a colazione, per il giorno che non ne puoi più di marmellate."





La prima domanda è quasi di rito, ma quando un componente di una band porta avanti anche un progetto solista credo sia una curiosità legittima: come mai questi dischi da solo? Sono pezzi che credi non riuscirebbero a far parte della musica dei Bachi da pietra o hai solo bisogno che siano solo tuoi?
Come autore dei Bachi Da Pietra ho inventato questo personaggio di fantasia, Giovanni Succi, un grande artista del tutto superfluo, nome preso da un racconto di Kafka (“L'artista della fame”) e l'ho mandato in giro a cantare canzoni che parlano dei fatti suoi. Ad un certo punto Giovanni Succi, non io, il personaggio, immagina di essere il cantante e chitarrista dei Bachi Da Pietra, insetti mutanti che si fingono umani. Cosa non si fa per campare, Vale.


Carne cruda a colazione per il giorno che non ne puoi più di marmellate”: non so come mai (si, è sarcasmo) ma ho come l'impressione che questo sia un disco di reazione. E' una reazione alla “marmellata sociale”, questa sensazione di essere inzuppati nella melassa zuccherosa che fa venir voglia di cattiveria, o una marmellata più personale? O magari anche tutte e due!
L'Italia è la dolce patria del bel canto e anche le peggio cose noi le facciamo con il cuore. Tutto verte su quello: pancia e cuore, cuore e panza. E poi un bel pianto e tanta glassa. Infatti va tutto a meraviglia e non saprei come migliorare questo scenario perfetto, il prodotto di un popolo gentile. Ma magari zuccheri anche basta. Non mi ci riconosco. Nel mio piccolo proporrei carne cruda a colazione: qualunque significato tu voglia dare alla proposta, sono io.


Dopo Con ghiaccio hai fatto uscire Carne cruda a colazione: è comunque roba che ci ficchiamo in bocca. Hai anche tu l'impressione che la musica sia qualcosa che ci mangiamo e dobbiamo digerire, rimuginare e assimilare per farla nostra?
La mia al primo assaggio può spiazzare come certi formaggi che puzzano. Non so quanto la modalità di ascolto contemporaneo di musica la renda assimilabile davvero, si vedrà col tempo. Quel che va per la maggiore è una bulimia di roba seriale che passa il convento (l'Algoritmo). Ma se sei curioso trovi anche altro.


Restando in tema: quale musica hai mangiato, assimilato e digerito per creare il tuo suono, che sia quelli dei Bachi da pietra o quello dei tuoi dischi solisti?
Avendo cominciato molto presto la lista sarebbe lunghissima. Introduco ed espello da troppo tempo ormai. Sono in ogni caso un filtro molto sporco, quel che riproduco volente o no è sempre mio. Ma restando in tema eno-gastronomico, può mai esistere un cuoco che non assaggia? Senza esperienza, senza curiosità? Sì, ok, al McDonald.


Altra domanda di rito: c'è un tour in arrivo per poter ascoltare Carne cruda a colazione dal vivo? Che giro ti farai?
Tudemun Concerti mi ha promesso la Luna, ma l'Italia per cominciare va bene: tenete d'occhio i social, sarò in tour da novembre, col prezioso supporto del maestro Tristan Martinelli.


Domanda che odiano tutti, ma è uguale. Quali sono i tuoi tre dischi preferiti, quelli che non possono mancare nella tua collezione?
Tom Waits, Swordfishtrombone
Motorhead, No Sleep 'til Hammersmith
Portishead, uno a caso.

carne cruda a colazione, interviste, succi

Articoli correlati

Interviste

Nightguide intervista ant...

05/12/2019 | luigirizzo

Sulle tracce della gioconda, in un viaggio nel tempo tutto da ridere, come sempre en travesti. Passato e presente, tradizione e attualità. C'è tutto il mondo de i legn...

Interviste

Intervista a luca brunoni...

05/12/2019 | iltaccuinopress

Luca brunoni (lugano, 1982) è uno scrittore e professore universitario. Esordisce nella narrativa con “il cielo di domani” (fontana edizioni, 2016). “Silenzi” (g...

Interviste

Nightguide intervista gli...

03/12/2019 | elisa-hassert

Gli sleeping with sirens annunciano quello che sarà il tour europeo da headliner a supporto del disco “how it feels to be lost” uscito lo scorso 6 settembre. La form...

2445150 foto scattate

16406314 messaggi scambiati

946 utenti online

1507 visitatori online