Perfect Cluster - Flow

Perfect Cluster - Flow


E' uscito il 22 Settembre “FLOW” dei PERFECT CLUSTER Il titolo di questo nuovo lavoro del trio toscano ne rappresenta al meglio tutte le caratteristiche. Flusso come oscuro viaggio tellurico nei sogni del subconscio, guidati da una voce che canta frammenti di uno stream of consciousness dalle molteplici interpretazioni. Flusso come naturale evoluzione di un suono che nel disco precedente viveva di una natura ambient/sperimentale “morbida” e ora diviene più duro, fra l'alternative rock, l'elettronica, l'industrial e il progressive. Flusso, infine, perché ogni ascolto di questi undici brani è come sprofondare in una dimensione ombrosa e metropolitana che scorre imponente. Un luogo sonoro dove abbandonarsi a ciò che di noi non conosciamo per ritrovarsi in lande strumentali dove compaiono improvvisamente magici squarci di luce. "Flow" è il disco della maturità dei Perfect Cluster, una band che vanta molteplici esperienze live all'estero e che prova a farsi conoscere anche nel nostro Paese con un'opera affascinante e lontana dalle mode del momento.
A cinque anni dal precedente “Noise Pleasure”, e dopo diverse esperienze live sia in Italia che all'Estero, tornano i Perfect Cluster con un nuovo disco intitolato “Flow”. Undici brani che sono la naturale evoluzione del loro suono, partito da una matrice più “morbida” di natura ambient/sperimentale e ora diretta verso un mood decisamente più duro, che si muove fra l'alternative rock, l'elettronica, l'industrial e il progressive. Un flusso multiforme che è anche quello scorrere delle vite di ognuno indicato dal titolo e descritto nel flusso di coscienza dei testi, fra cambiamenti, crisi e rinascite.
Sono queste le coordinate di una band che ha origine dalla curiosità di tre musicisti di estrazioni musicali profondamente diverse. Riccardo Chiarucci (voce ed elettronica) proviene dal grunge anni '90 di Pearl Jam e Soundgarden ma è attento al panorama elettronico dell'ultimo decennio. Luca Cecchi (chitarre elettriche e acustiche) inietta umori blues e chitarrismo settantiano sulle orme di band come Led Zeppelin e King Crimson. Ian Da Preda (vibrafono, Xylosynth™, tastiere, batteria elettronica) trae la propria ispirazione dal jazz, dal rock progressive e dalle colonne sonore cinematografiche, dividendosi tra Italia e Inghilterra, dove collabora con alcuni prestigiosi esponenti della scena jazz londinese e con la band Mister Susan.
L'unione delle diverse visioni musicali genera il suono dei Perfect Cluster che è imponente, molto spesso ombroso e metropolitano, con alcuni improvvisi e magici squarci di luce e frequenti lande strumentali dove perdersi.
Non è raro che le sonorità del disco nascano da registrazioni e performance effettuate con device analogici: apparecchiature dal suono caldo e trascinante, come sintetizzatori Moog, Roland, ElkaSynth P15 e Synthetone, con i quali vengono create tutte i groove ritmici e le textures elettroniche dell'album.
Altre novità fondamentali sono l'introduzione del vibrafono acustico, della chitarra acustica, di svariate tastiere vintage come Hammond e pianoforti elettrici, nonché di una seconda voce femminile che allarga il respiro delle soluzioni vocali.
Il trio ha scelto diversi studi fra l'Italia e l'Inghilterra per registrare le varie parti del disco, rispondendo ad una forte volontà di sperimentazione che è coincisa con una non meno importante ricerca del miglior suono possibile.

Lungo la tracklist il personaggio principale è l'ascoltatore, guidato dalla voce come in una sorta di viaggio dentro i sogni del subconscio, là dove opporsi alle cadute esistenziali non è sempre possibile. Tuttavia, nonostante questa guida, i testi sono stati scritti lasciando a chi ascolta la libertà d'interpretare e di leggere nelle parole e nelle ambientazioni sonore uno o più scampoli della propria vita. Per perdersi in un flusso esistenziale che coincide con la chiusura del disco di “Magic Paper” e “After The Suicide”, quest'ultima collegata a “Suicide Risk” dell'album precedente. Là veniva descritto uno stato di coscienza pre-suicidio con una voce narrante che cercava di dissuadere dal gesto. Qui invece vengono tratteggiati gli stati d'animo immediatamente successivi all'atto, quando la liberazione dal non-senso diviene una presa di coscienza per tornare ad esistere.

Articoli correlati

Recensioni

Sziget festival day 7 - g...

15/08/2019 | luigirizzo

questo, l’ultimo di questa esperienza, è l’unico report che vi consegno in ritardo cari lettori. A parte gli orari improbabili per partire da budapes...

Recensioni

Sziget festival day 6 - f...

13/08/2019 | luigirizzo

anche il penultimo giorno è andato e con lui, quasi in maniera simbolica, se ne sono andati anche sole e caldo torrido. Lo sziget sta per volgere al termine e an...

Recensioni

Sziget festival day 5 - p...

12/08/2019 | luigirizzo

ieri 11 agosto è ufficialmente cominciata la 3 giorni di passione dello sziget festival. L’isola della libertà è ormai strabordante di gente,...

2445150 foto scattate

16367989 messaggi scambiati

581 utenti online

925 visitatori online