FRANCESCO DI BELLA - O'DIAVOLO

FRANCESCO DI BELLA - O'DIAVOLO

È uscito il 25 di Ottobre per La Canzonetta Records/Self Distribuzioni s.r.l. “'O DIAVOLO”, il nuovo disco di inediti di Francesco Di Bella. Nell'ultimo anno precedente al disco, il cantautore napoletano è stato impegnato in un tour d'eccezione per celebrare i 20 anni della sua carriera musicale.
 
DI Bella ha una storia interessante: ex frontman del gruppo 24 Grana e da qualche anno protagonista di un percorso solista che lo ha visto pubblicare nel 2014 “Ballads Cafè” e nel 2016 "Nuova Gianturco", oggi ha deciso di tornare con “'O Diavolo”, un nuovo album di inediti che vuole portare avanti un processo di rottura e di innovazione, confermando “'O Cardillo” napoletano come uno tra i migliori esponenti del cantautorato rock d'autore.
Il disco ha un titolo che oltre all'intero album dà il nome anche al brano d'apertura, deriva dall'originaria parola greca Διάβολος (diábolos) che include tra i suoi significati innanzitutto quello di “colui che divide”. E in effetti non c'è figura nella storia che divida di più di quella del diavolo; ora spauracchio e capro espiatorio delle malefatte umane, ora fonte di piaceri proibiti e carnali. Il diavolo è probabilmente l'immagine che meglio descrive questa nostra epoca pazza e confusa, fatta di estrema sensualità e al contempo di estremo nichilismo: sensualità intesa come godimento dei piaceri della terra, del cibo, dell'amore, della musica, del vino o dell'arte; nichilismo inteso come rinuncia a qualsiasi valore e responsabilità, in nome del solo piacere.
 
È quest'ultimo forse il volto più temibile del diavolo contemporaneo: il disordine, che con la sua foga e la sua violenza spettacolare ha la capacità di scompigliare le carte, di attrarre la gente nel suo vortice inducendola, spesso, a sostituire la gioia dionisiaca per la vita in gioia distruttiva per le cose materiali, al servizio del consumismo e di chi, dietro le quinte, ha tutto da guadagnarci. In questo gioco all'autoannullamento solo l'amore può salvare: quell'amore tanto idealizzato dalla canzone pop, ma in realtà profondamente ancorato alle cose vive del mondo, come la musica, come il rock, come la vita prima che il diavolo si prendesse tutto.
 
Come dicevamo il disco prende avvio con la title track, che mette il diavolo al centro, come figura cardine della nostra cultura, a metà tra il malefico e il giullaresco che dispensa dolore e forza generatrice. Attuale quanto la perenne lotta tra il bene e il male. Segue 'Scinne Ambresso', intimo e accorato invito a sbrigarsi e compiere le scelte di vita giuste nella confusione del quotidiano, magari insieme.
La 'Stella Nera' è una stella invisibile, una ricerca impossibile ma affascinante che spesso nessuno può capire ma che è frutto di un amore incondizionato verso qualcuno o verso qualcosa, come ad esempio una particolare ispirazione musicale o una storia da raccontare; 'Rivelazione' si lega ad un concetto appartenente alla dottrina rastafari, per cui ''non esiste un tu ed io ma solo un io e io e che tutto ciò che di male faccio a te lo faccio a me stesso''. Di Bella ci porta poi in un paradiso, sulle note de 'Il Giardino Nascosto', per catapultarci poi nel mondo di 'Rub A Dub Style', incentrato sulla forza e sul potere della musica e dell'amicizia per superare i pregiudizi e gli anni che passano.
 
'Canzone 'E Carcerate' nasce da uno spunto di Ferdinando Russo, poeta napoletano del secolo scorso, un'accorata canzone sul dramma della vita nelle carceri; tocca all'amore su 'Sulo Pe' Te', che esorta a cercare nei propri sogni la cura migliore alle difficoltà della vita, di notte, la stessa notte raccontata su 'Notte Senza Luna', attraverso un misterioso racconto su un omicidio e su una vita condotta senza speranza.
 
Francesco Di Bella ci ha fatto proprio un bel regalo, scatenando '''O' Diavolo''.
 

francesco di bella, o diavolo

Articoli correlati

Recensioni

Federico baroni - la tapp...

02/06/2019 | luigirizzo

Ieri 1 giugno noi di nightguide abbiamo deciso di passare un pomeriggio alternativo in compagnia di federico baroni, il busker più seguito d'italia. di live ne seguiamo ...

Recensioni

Una nuova voce, quella di...

22/05/2019 | iltaccuinopress

Il tocco delicato di untimore, al secolo numitore fiordiponti, si sente in ogni dettaglio di questo suo primo lavoro, intitolato “il falò dell'umanità”. Un tocco de...

Recensioni

Un viaggio negli anni 90 ...

18/05/2019 | luigirizzo

Sul palco dell'hiroshima mon amour questa sera (17 maggio) con mia grande sorpresa suonano in apertura ai sick-tamburo, lo straniero, band piemontese di cui avevo ascolta...

2445150 foto scattate

16264459 messaggi scambiati

938 utenti online

1494 visitatori online