Digital Life. Usi e costumi dell’era moderna nel nuovo libro di Giorgio Capellani

Digital Life. Usi e costumi dell’era moderna nel nuovo libro di Giorgio Capellani


Crescere nell'era digitale di Giorgio Capellani. Recensione.
Casa editrice: Edilibri
Brossura cucita: 14,5 x 21 cm
Pagine: 176
Prezzo: Euro 16,00
ISBN: 978-88-86943-86-
“Il primo errore è che i genitori non conoscano in profondità la materia e gli effetti delle tecnologie digitali”, lo afferma Giorgio Capellani, autore del libro “Crescere nell'era digitale. L'uso delle nuove tecnologie nell'infanzia, nell'età scolare e adulta: quale futuro?”. La responsabilità, però, non è solo della famiglia, anche della scuola che ha avuto un duplice e contrastante approccio:
Entusiasmarsi per le tecnologie investendo fondi in lavagne digitali e aule informatiche senza formare opportunamente gli insegnanti e, allo stesso tempo, investire in nuovi approcci didattici su contenuti tradizionali;
Trascurare il problema non introducendo corsi di cittadinanza e alfabetizzazione digitale che sono il necessario prerequisito culturale all'utilizzo delle tecnologie.
Analisi in controtendenza è quella che fa sulle fashion blogger. Chiara Ferragni docet. Per lo scrittore, tali figure hanno sostituito romanzi di formazione e relazioni con educatori e adulti. Il problema è che i contenuti, da loro promossi, hanno finalità commerciali. “Creare e influenzare consumatori tramite le tecnologie è un'involuzione antropologica” - afferma - “non un processo evolutivo. Ovviamente la responsabilità è degli utenti che sempre di più non si creano una propria coscienza autonoma, ma adottano ciò che viene loro proposto”.
Capellani, ingegnere mancato e insegnante, dedica un libro ai bambini, nel senso che ha voluto fornire ai genitori e agli educatori alcuni strumenti per orientarsi e gestire meglio il digitale. Oggi, alle soglie quasi del 2020, la lettura della carta stampata non dovrebbe finire in cantina, perché leggere testi sullo schermo ci abitua a fruire dei contenuti velocemente e incoraggia a gestire il multitasking, aumentando il nostro potere di distrazione. Sottolineare un libro con la matita, al contrario, presuppone un approccio diverso. C'è un non so che di romantico nello sfogliare i libri e poterli vedere allineati in libreria.
Da specificare che lo schermo riduce le capacità d'interagire con la realtà e di accrescere le qualità personali. Dunque, se mortifichiamo il cervello per diverse ore al giorno con contenuti artificiali, non rendiamo omaggio a questo meraviglioso organo. Il resto lo lascio alla lettura del libro per gli approfondimenti neurologici e per i meccanismi che si possono ingenerare. Maura Remordini
 
 
Contatti
Social
https://www.facebook.com/giorgio.capellani

consigli di lettura, digitale, edilibri, era digitale, il taccuino ufficio stampa, libri, Recensione, romanzo, saggistica, scrittore, ufficio stampa

Articoli correlati

Libri

PIERLUIGI DE PALMA “BARI CALLING” DAL 28 MAGGIO IN LIBRERIA

27/05/2020 | luigirizzo

"sono uno dei più grandi interpreti viventi dell'arte di raccontarsi bugie, facendole sembrare non solo vere ma anche sincere."Inizia così bari calling, il racconto b...

Libri

Kento pubblica "Te lo dico in rap"

27/02/2020 | CarolinaElle

Online e in libreria da giovedì 27 febbraio per editrice il castoro "te lo dico in rap", il nuovo libro di francesco “kento” carlo. Il primo manuale di rap italiano ...

Libri

LA MUSICA ATTUALE - Tutte le logiche del mercato musicale di oggi svelate nel primo libro di MASSIMO BONELLI

12/02/2020 | luigirizzo

 esce mercoledì 19 febbraiola musica attualecome costruire la tua carriera musicale nell'era digitale   il primo libro del produttore discografico, manager e direttore...

2445150 foto scattate

16677876 messaggi scambiati

981 utenti online

1562 visitatori online