Nightguide intervista Sistema19, giovane rapper romano di adozione berlinese che spara le sue rime senza peli sulla lingua

Nightguide intervista Sistema19, giovane rapper romano di adozione berlinese che spara le sue rime senza peli sulla lingua

“VALE TUDO” è il nuovo singolo di SISTEMA19, disponibile da venerdì 12 luglio su SpotifyiTunes e tutte le principali piattaforme di streaming. 
SISTEMA19 è un giovane rapper romano, nato e cresciuto a Trastevere. 
Inizia a scrivere inizialmente per gioco, riempendo di rime quaderni e banchi di scuola per poi partire per Berlino, città in cui decide di mettersi in gioco e iniziare a prendere sul serio il suo sogno.
E sarà proprio la capitale tedesca ad ospitare il suo live in apertura alla tappa berlinese del Summer Tour di Sfera Ebbasta il 3 agosto al club Bi Nuu. Condividerà il palco con la giovanissima cantante SOFIA TIRINDELLI (prodigio di THE VOICE OF ITALY). 
L'artista è attualmente al lavoro su due EP in prossima uscita, il primo registrato a Roma presso lo studio 3TONE e in collaborazione con Sofia Tirindelli e il secondo con RKH STUDIO di Torino. 
"VALE TUDO" è il nuovo singolo di SISTEMA19, una raffica di rime. È una serie continua di diretti, ganci e montanti, portati con l'intento di mettere l'avversario a tappeto e di non farlo rialzare. In "VALE TUDO" la metrica si fonde con le arti marziali e lo stile da strada, nella sua totale assenza di regole e canoni prestabiliti. Le liriche sono accompagnate dal beat aggressivo e incalzante curato da DEPHA BEAT (3TONE STUDIO), dalle marcate sfumature orientali. Il video, con le sue atmosfere fluo e visionarie, trasforma la fantascienza in realtà.

Nightguide. Partiamo con le presentazioni. Chi è Sistema19 e cosa ti ha portato a fare musica?
S19. Io, praticamente da che ho memoria, ho sempre voluto fare il rapper. Fin da quando ero piccolo a scuola, sentivo la voglia di scrivere e di esprimermi attraverso questo genere. Poi, come spesso accade, la vita mi ha portato per un periodo anche molto lungo da tutt'altra parte, a fare svariati lavori che non centravano niente con la musica.
Nell'ultimo periodo ero arrivato anche a fare un lavoro che mi faceva guadagnare davvero molto bene e, per molti, mi sarei potuto considerare sistemato a vita, ma sentivo che quella non era la mia strada; quello che stavo facendo non mi faceva stare bene e allora sono tornato al mio piano.
Tornare a fare musica quindi non è stato un processo facile, perché significava lasciare tante cose, ma la mia motivazione era molto forte ed è la prima volta che ne parlo apertamente perché nessuno me l'ha mai chiesto e di questo ti ringrazio. In quel momento io decisi che se fossi tornato a fare musica, c'avrei dovuto mettere tutto l'impegno e le energie possibili per sfondare e avere successo ed essere il primo artista di successo che non tiene i ricavi della propria musica per sé ma per fare beneficienza.

NG. Cioè tu mi stai dicendo che quello che ti spinge è devolvere tutto agli altri?
S19. Esattamente!

NG. Wow non so che dire! È la prima volta che mi succede in tante interviste. Figo!
S19. Da quando mi sono trasferito a Berlino, ho trovato un lavoro che mi consente di stare bene e di avere tutto quello che mi serve per vivere più che dignitosamente; non servirebbe a nulla avere ancora di più guadagnando dalla musica che produco. Perché dovrei avere più soldi per togliermi degli sfizi che in realtà non e comprare cose di cui non ho bisogno, quando c'è tanta gente che non ha niente?
Ho pensato che fare musica è un cosa talmente tanto bella, e farla come lavoro è già un privilegio, quindi se dovessi arrivare al punto da andare in tour, avere successo e generare più soldi di quelli che mi servono per continuare lo stile di vita dignitoso che già ho, tutto quello che c'è di più lo vorrei dare agli altri.
Io penso che questa cosa fa stare bene in primis chi la fa e il mio sogno, il motore che sta alla base del progetto Sistema19, sarebbe quello di fungere da esempio per altri artisti che magari potrebbero iniziare a dare a chi ne ha bisogno. Sarebbe bello che da questo nascesse un vero e proprio movimento di solidarietà che nasce dalla musica.

NG. Ok allora ora mi tocca fare l'avvocato del diavolo. I tuoi propositi sono bellissimi ed è già fantastico che tu li abbia, ma non pensi che forse stai sottovalutando il potere corruttivo del successo e delle grosse quantità di denaro che con il successo potresti trovarti ad avere? Per dirla ancora più da stronzo quando non si è ricchi è facile dire che da ricchi non ci si comporterebbe come gli altri.
S19. Hai perfettamente ragione. Le tentazioni non si possono prevedere, ma senza entrare nei particolari, io ho davvero già assaggiato cosa significa avere soldi e molti sfizi me li sono già tolti. I soldi mi sono girati in mano già da quando ero più giovane e adesso non sono più un ragazzino. Quindi non sono così ipocrita da dirti che io sono così diverso dagli altri da essere certo di non cadere in tentazioni, ma sicuramente ti posso dire che la mia motivazione nel portare avanti questa mia decisione è forte e la mia volontà è ferrea.

NG. E io non posso che essere davvero felice di sentire che un artista che si propone ad un genere dove spesso viene esaltata ricchezza, il lusso e lo sperpero decida di veicolare un messaggio così importante.
 
S19. Ti ringrazio per quello che hai detto e per avermi dato l'opportunità di spiegarmi bene. Le mie parole non sono una trovata pubblicitaria. Io voglio fare musica di qualità e voglio che la gente si avvicini a me per la musica che faccio. Puoi se vuole supportarmi anche perché condivide il mio progetto di solidarietà, meglio!

NG. Giusto. Uno non si dovrebbe mai giustificare per la decisione di voler fare del bene. Cambiando discorso, come mai hai deciso di trasferirti a Berlino? Non credo centri con la musica, dato che Berlino attrae di più gli amanti della musica elettronica.
S19. No infatti. La verità è che i miei genitori mi iscrissero alla Scuola Tedesca a Roma e quindi finendo la scuola superiore e avendo studiato sempre tutto in tedesco è venuto naturale spostarmi in Germania per continuare i miei studi. Ho provato ad andare all'università ma ho interrotto ben due corsi di studi, ingegneria meccanica ed economia, perché non mi piacevano. Ad un certo punto ho capito di voler fare musica e a Berlino ho fatto un corso di produzione di basi musicali. Diciamo che Berlino è venuta così, la conoscevo, quando ci sono venuto era molto abbordabile come prezzi e molti dei miei amici delle superiori si erano già trasferiti qui. Mi ci trovo benissimo!



NG. Parliamo ora di questo brano “Vale Tudo”, che è il secondo singolo dopo quello di esordio, “Resto Calmo”. Per dirla in parole povere, hai deciso di andare giù pesante!

S19. In tutta sincerità, il brano che hai ascoltato è il massimo che potevo fare per metterla giù ancora più dura. Quando ho dovuto cancellare e censurare perché lo ritenevo un “too much”, quello è il massimo che sono riuscito a fare.

NG. Innanzitutto complimenti per il testo e per il fraseggio nel cantato. Vomiti una raffica di parole come non si sentiva da un bel po' nei brani di genere usciti ultimamente.
S19. Grazie, sono davvero contento di questa cosa che stai dicendo.

NG. E poi l'altra cosa che ho apprezzato molto è che, nonostante si possano in un certo modo individuare i componenti di una canzone, il brano in sé è molto destrutturato e in alcuni punti l'importanza del concetto di quello che stai dicendo supera quella di seguire metrica e struttura del brano. Almeno questo è quello che ho percepito io e come il brano è arrivato a me.
S19. Mi fa piacere che tu l'abbia notato ed è una cosa che si ritroverà nei prossimi brani che usciranno anche se saranno molto diversi da questo. Non saranno tutti brani rap.
Questo in particolare è un brano rap ed è così duro proprio per il messaggio che volevo veicolare. Attualmente la scena attuale rap e trap, salvo poche eccezioni, mi da molto fastidio. Non sopporto che vengano espressi concetti così sbagliati in brani di successo. Questo mi ha spinto a tornare al rap dopo tanto tempo per dire la mia e non rimanere con le mani in mano di fronte a qualcosa che non condivido.
Questa canzone è uno statement che esprime il mio punto di vista sulla situazione generale per prenderne le distanze e cercare di raddrizzare con le mie parole la piega che la musica trap ha preso ultimamente.

NG. Per fare una sintesi stai dicendo, se arrivano così al successo artisti che fanno testi così discutibili, perché non ci posso provare anche io che voglio di re qualcosa di diverso.
S19. In un certo senso si, ma non è una questione di successo; quello che penso io è che preferisco entrare dentro una scena che al momento ha preso una piega sbagliata, sporcarmi le mani e provare a veicolare un messaggio più pulito.

NG. Al di là del genere musicale e senza additare la trap che in italia è vista come musica di scarsa qualità, sarebbe meglio che tutti i cantanti di prendessero la responsabilità del messaggio che veicolano e dell'influenza che hanno sul loro pubblico.
S19. Chi ha successo ha una responsabilità nei confronti della gente che li segue. Soprattutto quando hai un pubblico giovane che assorbe come una spugna le parole che diciamo e spesso non ha i mezzi per distinguere e capire che tu artista stai dicendo certe cose solo per riempire un brano. Noi dovremmo sempre ricordarci che spesso finiamo per essere un esempio, e siamo responsabili dell'esempio che vogliamo essere.

NG. E dopo questo secondo singolo, cosa ti aspetta? Ci sono altre tappe che ci puoi anticipare?
S19. Quando ho deciso di dare vita al progetto Sistema19, avevo già pronti i master di 6 tracce. La prossima che uscirà, la terza, sarà una canzone molto diversa dalle prime due perché sarà una storia d'amore, quindi sarà meno aggressiva. Stiamo già iniziando a girare il video con la stessa regista dei primi due, Anna Leeviaâ.

NG. Il video di “Vale Tudo” è davvero figo e ho trovato molto originali le atmosfere e alcune scelte stilistiche che avete fatto.
S19. Fa piacere ricevere dei feedback, quando dietro c'è tanto lavoro e tanta ricerca dietro.

NG. In questo momento cosa rappresenta per te la musica in 3 parole?
S19. Possibilità, Amore, Rabbia.

NG. Pensando a tutto il tuo percorso fin da quando sognavi soltanto di fare musica, quali sono i 3 album che più ti hanno influenzato e che mai potrebbero mancare nella tua collezione?
S19. Eminem - The Slim Shady LP; Cypress Hill - Temples of Boom; Doctor Dre - 2001.

Intervista a cura di Luigi Rizzo.
 
 

Articoli correlati

Interviste

Nightguide intervista jon...

14/10/2019 | luigirizzo

la band rock danese multiplatino volbeat è entrata al #27 della billboard top 200 con il settimo album in studio, “rewind, replay, rebound” [vertigo/virgin/uni...

Interviste

Nightguide intervista gli...

14/10/2019 | valentina-ceccatelli

gli humanoira sono tornati con un nuovo singolo, tutto ok...Ma ti devo parlare!, uscito il 13 settembre per alka record label in anticipazione di sorrisi&canzoni, il di...

Interviste

Nightguide intervista joj...

12/10/2019 | luigirizzo

Sergé "jojo" mayer (nato il 18 gennaio 1963) è un batterista virtuoso svizzero nato a zurigo e attualmente residente a new york city. mayer è il figlio del musicista e...

2445150 foto scattate

16350114 messaggi scambiati

951 utenti online

1514 visitatori online