Nightguide intervista gli Electric Souls

Nightguide intervista gli Electric Souls

Intervista agli Electric Souls per Nightguide
 
*Ciao ragazzi, presentatevi ai nostri lettori.
 
Siamo gli Electric Souls e siamo un power-trio che nasce a Campi Bisenzio, in provincia di Firenze, nell'ottobre elettrico del 2015! Grazie alle amicizie e alle collaborazioni musicali maturate nel tempo, abbiamo deciso di formare questa band per comporre la nostra musica e sviluppare il nostro linguaggio musicale. Fin da subito il nostro intento è stato quello di concentrarci sulla nostra musica e portarla live nei concerti per condividerla con la gente. Ognuno di noi ha le proprie influenze musicali, ma quello che ci lega sono sostanzialmente il rock, il jazz, il funk e il soul.
 
I nostri pezzi nascono dall'unione di questi quattro generi e questo ci ha dato la possibilità di mescolarli a nostro piacimento, cercando di creare brani diversificati ma all'interno dei quali si potessero riconoscere le radici di questi generi, ovviamente con diverse sfumature a seconda del pezzo. Questa caratteristica e allo stesso tempo la difficoltà di rispondere alla domanda “che genere fate?” ci ha portato ad abbracciare l'idea di forgiare un genere completamente nuovo e tutto nostro. È nato così l'Earth Rock, che raccoglie la nostra identità musicale, in cui le radici del rock, del jazz, del funk e del soul trovano un terreno comune per svilupparsi e creare la musica che abbiamo dentro di noi e che più amiamo.
 
 
*Da poco avete pubblicato il singolo “Colorfulness Of You”: di cosa parla questo brano?
 
Il brano vuole celebrare l'amore descrivendo tutti i colori e le sfumature della persona amata! Un modo per descrivere l'altra persona da un punto di vista diverso attraverso queste metafore “colorate”, evidenziando tutte le emozioni e tutti i sentimenti in gioco.
 
 
*Com'è nato il pezzo “Colorfulness Of You” e il videoclip che lo accompagna?
Il pezzo nasce dall'ascolto di un famoso musicista pakistano che si chiama Nusrat Fateh Ali Khan. La sua musica ci ha davvero colpito perché abbiamo intravisto i generi che caratterizzano la nostra musica ma espressi in una forma diversa da quella a cui siamo abituati qui in Occidente. Questo ci ha dato l'insight per sviluppare il nostro pezzo, sviluppando questa ritmica molto funky, sempre costante dall'inizio alla fine per mantenere il groove e l'energia che vogliamo trasmettere.
 
Il video che lo accompagna è il nostro primo videoclip ufficiale, perciò abbiamo deciso di iniziare con un video semplice, qualcosa che ci riprendesse durante la fase di registrazione sia perché ormai mostrarsi in video è fondamentale per rendersi più riconoscibili nel mondo virtuale del web, ma soprattutto perché volevamo che il video trasmettesse tutta la spontaneità del pezzo suonato dal vivo.
 
Oltre a questo però riteniamo che per iniziare sia meglio fare qualcosa di semplice ma puntando comunque alla qualità, così da avere margini di miglioramento per le prossime volte.
 
 
*Prima di questo brano avete pubblicato due ep. Ci raccontate un po' quali erano le loro particolarità?
 
Il primo ep è nato dalla mera esigenza di avere dei pezzi registrati, così da poterci proporre nei locali ed ottenere le serate, perciò i pezzi che contiene sono le prime tre canzoni che abbiamo scritto e rappresentano un po' l'inizio della nostra band. Sono pezzi istintivi, energici e senza troppi fronzoli per la testa. Potete ascoltarlo qui:
 
https://www.youtube.com/watch?v=IaXGTZ9wPDk&list=PLLOAib_Zkx3M3rJRz2nTqirO5SeQ5FTlL
 
Il secondo ep invece è nato dall'esigenza di definire meglio cosa intendiamo per Earth Rock. I quattro brani contenuti vogliono in qualche modo mostrare le diverse sfumature della nostra musica. Questo lavoro lo consideriamo molto più maturo del primo, in quanto i suoni sono molto più calibrati, c'è molta più dinamica e noi stessi abbiamo raggiunto una maggior intesa musicale.
 
Rispetto al primo ep, inoltre, con il secondo abbiamo deciso di registrare in presa diretta, come si faceva un tempo, per mantenere il calore, il groove e la spontaneità dei pezzi. Da quando abbiamo registrato in questa maniera, ci siamo resi conto che questa modalità di registrazione è quella che mi più ci appartiene, per questo anche il nuovo singolo è stato registrato nello stesso modo.
 
Qui potete ascoltare il nostro secondo lavoro: https://www.youtube.com/watch?v=tiXiwuQ0P94&list=PLLOAib_Zkx3OlAO-XeJzHju8V-l3d4rKb
 
 
*Che rapporto avete con il mondo dei videoclip?
 
Come dicevamo, siamo appena entrati nel mondo del videoclip, con il video di “Colorfulness of you”, dunque ci sarà molto da migliorare. Siamo comunque molto felici della collaborazione con il fotografo/videomaker Edoardo Bellante di cui abbiamo profonda stima e ammirazione perché lo riteniamo è un grande artista. Siamo davvero fiduciosi e carichi e non vediamo l'ora di cimentarci nella prossima avventura!
 
 
*Avete in programma date live per quest'estate?
 
Abbiamo da poco suonato nella bellissima cornice di Piazza Tasso a Firenze e stiamo concordando altre date, che sveleremo ufficialmente sui nostri canali social non appena saranno confermate.
 
 
*Allora lasciateci i vostri contatti per seguirvi e aggiornarci sulle vostre evoluzioni.
 
Potete seguirci sulla nostra pagina Facebook (https://www.facebook.com/ElectricSoulsMusic/) e su Instagram (https://www.instagram.com/electricsouls_music/).
 
Grazie.
 
GABRIELE MORETTI

artlovers, electric souls, indie, interviste, interviste emergenti, musica, nightguide interviste

Articoli correlati

Interviste

Nightguide intervista val...

07/12/2019 | luigirizzo

"salvador" è il nuovo singolo degli aprÈs la classe, disponibile da venerdì 15 novembre su spotify, itunes e tutte le principali piattaforme digitali. gli ap...

Interviste

Nightguide intervista ant...

05/12/2019 | luigirizzo

Sulle tracce della gioconda, in un viaggio nel tempo tutto da ridere, come sempre en travesti. Passato e presente, tradizione e attualità. C'è tutto il mondo de i legn...

Interviste

Intervista a luca brunoni...

05/12/2019 | iltaccuinopress

Luca brunoni (lugano, 1982) è uno scrittore e professore universitario. Esordisce nella narrativa con “il cielo di domani” (fontana edizioni, 2016). “Silenzi” (g...

2445150 foto scattate

16402579 messaggi scambiati

817 utenti online

1302 visitatori online