Emil Moonstone - Disappointed

Emil Moonstone - Disappointed

Si intitola “Disappointed” il primo album di Emil Moonstone, il progetto solista della voce dei Two Moons.
In questo album, l'artista, oltre ad aver composto tutti i brani, ha suonato buona parte degli strumenti durante le sessioni di registrazione. Lo compongono nove canzoni in cui si mescolano psychedelia, noise effect, sperimentazioni di studio, e ne fanno un disco cattivo, ma nello stesso tempo pieno di sentimenti.
Uscito il 21 settembre, “Disappointed”, si presenta per quello che è già dalla copertina apocalittica, a cura dell'artista Stefano Bonazzi, non lasciando spazio all'immaginazione: si tratta di un disco crudo, vero e viscerale.
A fare da argomento centrale nell'album sono i fallimenti, le cose che in qualche modo finiscono a pezzi, i margini di un futuro cupo, e la delusione per il fallimento della razza umana. Musicalmente i brani si sviluppano su basi di drum machine in cui riff di chitarra noise improvvisamente lasciano spazio ad un break segnato da trip-hop stralunato, per poi riprendere la trama centrale e le sue escursioni psichedeliche.
“Disappointed”, è quasi un resoconto di dove siamo finiti. Non è quindi casuale la scelta di chiudere l'album con “Hurt”, un placido finale in cui la cover dei NIN (o se preferite, la cover della cover di Johnny Cash), sembra voler portare un filo di ordine, nel marasma di suoni e parole.
L'album si rivela ostico, Moonstone non si risparmia e registra in questo progetto tutte le sue ispirazioni, le schegge di follia, la stravaganza, la tenacia e l'impudenza, tutte attitudini che lo contraddistinguono.
E cosi la voce dei Two Moons oggi decide di andare oltre agli schemi collettivi, ferendo la percezione comune, facendo sicuramente storcere il naso ai puristi, andando ad urtare la suscettibilità di molti.
Ma questo è E. Moonstone, questo è “Disappointed”, perché quando un uomo è “deluso” tende a non usare mezzi termini.
Emil Moonstone è un cantante, compositore italiano. La sua storia musicale comincia con una serie di progetti punk da lui formati (Burp, Nevrotic Heads, DDT, Flying Chips), che lo vedono leader e voce principale come nei “South Breed Out”, formazione noise a cui da vita nel 1992, dopo aver militato qualche anno come cantante nella band new wave Pastonudo.
Nel 2009, dopo queste esperienze e anni di inattività decide di ritornare in scena insieme al collaboratore di sempre, Joshep Rips Asanda, formando i Two Moons, band con la quale tutt'ora è in piena attività con 1 EP e 3 album all'attivo.
Oggi Emil con “Disappointed” intraprende “ la sua parentesi solista, con un album interamente scritto e suonato da solo, che si discosta dalle produzioni precedenti, ma che esprime la sua trentennale esperienza musicale, questa volta nel bene o nel male non contaminata da altri componenti o collaborazioni.



Link utili
https://www.facebook.com/emilmoonstone/
www.emoonstone.it

Articoli correlati

Recensioni

Le influenze orientali-tr...

18/04/2019 | redazione

Ad x-factor ogni tanto qualcosa di nuovo appare, e i bowland hanno stregato la platea del talent-show in modo energico e originale. ma conosciamo meglio questo giovane tr...

Recensioni

Ludovico einaudi live al ...

15/04/2019 | redazione

Un'idea può sempre svilupparsi in diverse direzioni, se poi l'idea è musicale può tradursi in svariate possibilità frutto dell'intrecciarsi di note e di suoni proveni...

Recensioni

Nightguide recensisce dig...

01/04/2019 | iltaccuinopress

Gli ingredienti giusti e ben misurati sono già racchiusi nel nome stesso della band.   gli electronic blues foundation con “digital bluesman” sono riusciti a tira...

2445150 foto scattate

16220212 messaggi scambiati

585 utenti online

932 visitatori online