DECRETO SALVA ITALIA: nuova manova Monti

DECRETO SALVA ITALIA: nuova manova Monti

ROMA - «Chiamatelo decreto salva-Italia». Così il premier Mario Monti ha definito ieri la dura manovra da 30 miliardi lordi (20 di correzione) varata dal governo. Secondo il presidente del Consiglio l'intervento, che rpevede una stretta sulle pensioni e una stangata sulla casa, è l'unico modo per non far precipitare l'Italia, ma è anche più equo di quanto non sia stata dipinto perché non è di sole tasse e non colpisce i soliti noti. Prima di llustrare le misure ieri il premier si è rivolto direttamente ai cittadini italiani per dare il senso dell'urgenza, ma anche della massima trasparenza spiegando che tutti i membri del governo dichiareranno per intero i patrimoni e non solo quello che prevede l'attuale modulistica.
[img src=/data/rubriche/enogc6uehumhvuwmd84n1323078796.jpg alt=Immagine>
«Insieme ce la faremo», ha assicurato il premier. «Per certi aspetti abbiamo da tirare la cinghia e per altri mettiamo subito in opera meccanismi per la crescita dell'Italia»
Monti ha parlato di crisi «gravissima»; della necessità di salvare i «sacrifici di almeno quattro generazioni». Ha spiegato che il debito pubblico, vero fardello che impone la manovra, non è colpa degli europei ma degli «italiani» che non hanno guardato all'interesse delle future generazioni. Ha insistito sul taglio ai costi della politica contenuti nel decreto legge, citando in particolare l'eliminazione dei consigli provinciali e il ridimensionamento delle Authority, aggiungendo che il governo non si fermerà qui. Ma soprattutto ha annunciato di voler rinunciare al suo stipendio da presidente del Consiglio e ministro dell'Economia, eliminando le doppie retribuzioni per tutti i membri dell'esecutivo. Con i partiti, l'obiettivo - come ha ammesso lui stesso - è scontentare tutti in egual misura. L'unica grossa concessione è quella di far saltare l'aumento dell'Irpef presente in diverse bozze e fortemente avversato da Pdl, Pd e persino dal Terzo Polo.
Il professore dosa bene il bilancino. Al Pdl consente di poter dire che non c'è una patrimoniale e che l'Irpef non sarà più salata, ma impone il ritorno dell'Ici sulla prima casa, un salasso sulle altre e delle liberalizzazioni che a livello parlamentare saranno difficilmente digeribili. Al Pd permette di festeggiare per la tassazione dei capitali scudati, ma la riforma delle pensioni è durissima, come dimostra l'ira dei sindacati. Al Terzo Polo regala l'eliminazione dei tagli lineari previsti nella delega fiscale, sostituiti con un eventuale aumento dell'Iva.
Manovra pesante. Ma sono modifiche che non intaccano la struttura di una manovra che resta molto pesante. Soprattutto sul fronte delicatissimo delle pensioni. Tanto che la stessa Elsa Fornero si commuove alla parola «sacrifici». Monti invece resta impassibile e illustra con grande calma i provvedimenti, dando la parola come un professore fa con gli alunni ai diversi ministri che lo accompagnano.
Monti ha sottolineato la necessità di «tirare la cinghia», ma anche le misure per rilanciare la crescita. Ha parlato di misure incisive sul fisco, di sacrifici distribuiti con equità. Del bisogno che l'Italia torni ad essere orgoglioso, non «derisa» nel mondo. Ha negato che si tratti di una manovra di sole tasse o che colpisca i «soliti noti». Quanto al futuro del decreto, Monti si affida al «senso di responsabilità» dei partiti, pur non escludendo il ricorso alla fiducia. Ricorda a tutti che la vita dell'esecutivo non termina con il varo della manovra. Ma quando gli chiedono se non veda un futuro in politica dice che probabilmente al termine di questa esperienza «ne avrà abbastanza».
Le misure. E' pesante la manovra varata domenica da Monti e subito salutata come «tempestiva e ambiziosa» dall'Unione europea. Il decreto varato, che addossa un grosso onere sulla previdenza e sui piccoli risparmiatori esentando i grandi patrimoni, scommette anche su una serie di misure che dovrebbero stimolare crescita ed occupazione. Comunque, ha sottolineato il ministro Piero Giarda, non ci sono alternative: «Vi immaginate cosa sarebbe successo se non avessimo assunto queste misure?».
Dunque sacrifici, innanzitutto sulle pensioni, con una stangata sull'anzianità e il blocco dela scala mobile (per tutte escluse tutte quelle sotto i 960 euro). Il mantenimento dell'adeguamento del caro vita per le pensioni basse viene compensato con una una tantum dell'1,5% sui capitali rientrati dall'estero con lo scudo fiscale di Tremonti, che viene incontro alle richieste del Pd. Mentre il Pdl incassa l'assenza di una patrimoniale su beni mobili e immobili, chiesta invece dai Democrat.
In ogni caso niente aumento delle due ultime aliquote Irpef, quella del 41% per i redditi oltre i 55.000 e del 43% per i redditi dai 75.000 euro in su. Misura su cui il Terzo Polo aveva sollevato obiezioni così come Pd e Pdl. Il ceto medio e medio alto si ritrova però sul groppone una nuova imposta sul bollo che graverà su tutte le forme di risparmio, dai Fondi di investimenti alle polizze vita. Il bollo rispetto ad una patrimoniale sui beni mobili colpisce più i piccoli risparmiatori, ma d'altra parte Monti ha detto che una patrimoniale sulle «grandi ricchezze» come in Francia
avrebbe provocato una «fuga» in attesa di essere attuata.
E sulle famiglie piomba anche il ritorno dell'Ici, che il federalismo fiscale reintroduceva nel 2014. Ci sono però detrazioni che potrebbero esentare del tutto le case di minor valore.
Monti ha insistito che il decreto avrà anche un impatto positivo sulla crescita, contrariamente a quanto «frettolosi e valenti economisti amici» (cioè Alberto Alesina e Roberto Giavazzi) avevano sostenuto sul Corriere della Sera. Il governo ha puntato tutto su una serie di misure ritagliate sulle imprese, come la defiscalizzazione dei capitali reinvestiti in azienda, o la detassazione della parte Irap sul lavoro. Incentivi anche per l'occupazione di donne e giovani. Il tutto dovrebbe bastare a compensare l'inevitabile contrazione dei consumi dovuto alla contrazione del reddito disponibile e all'aumento dell'Iva dal secondo semestre del 2012.
L'aumento dell'Iva scatterà «a partire dal secondo semestre del 2012», ha precisato Giarda.
Meno Irap. «Abbiamo deciso di defiscalizzare l'impatto dell'Irap su risultati delle imprese», ha spiegato il ministro dello Sviluppo economico e delle infrastrutture, Corrado Passera.
Fonte: ILMESSAGGIERO.it
Fonte:

Articoli correlati

News

Bud spencer blues explosi...

11/07/2019 | luigirizzo

Bud spencer blues explosion  a 10 anni dall'uscita dell'omonimo disco d'esordio  annunciano due concerti speciali  gli appuntamenti   12/09 milano...

News

Arena derthona - parte og...

11/07/2019 | luigirizzo

Arena derthona   dall'11 al 14 luglio   la x edizione   4 attesissimi concerti nel cuore di tortona (al)   fiorella mannoia, subsonica, ex-otago e snarky pupp...

News

Muse // 12 - 13 luglio, s...

11/07/2019 | luigirizzo

info generali il concerto più rock dell'anno sta finalmente arrivando in italia! ecco alcune informazioni utili per gli show del 12 e 13 luglio allo stadio san siro ...

2445150 foto scattate

16276344 messaggi scambiati

594 utenti online

946 visitatori online