Penguin Cafè - The Imperfect Sea

Penguin Cafè - The Imperfect Sea

“The Imperfect Sea” è il nuovo disco di Penguin Cafè, pubblicato il 5 Maggio 2017, su etichetta Erased Tapes. La band nasce agli inizi degli anni 70 da un'idea di Simon Jeffes come ensemble inglese che, mixando suoni classici, folk e new age, è riuscito a conquistare il pubblico a livello globale. Ma è dopo la morte del fondatore, avvenuta nel 1997, che suo figlio, Arthur Jeffes, ha ricostituito e riportato in vita questo collettivo così tanto speciale, che vive di un ''folklore immaginario''. 
Questo nuovo disco, ''The imperfect sea'', è un lavoro che è stato per la sua maggiorparte auto-prodotto, sostituendo linee elettroniche con strumenti reali, realizzando un prodotto che è un nuovo capitolo di questa lunga storia, che è un qualche modo evocativa dell'immagine di un pinguino solo in un deserto innevato, nel suo ambiente naturale.
I Penguin Cafè in questa fase si evolvono in una maniera ancora nuova, in un territorio prima inesploraro da Arthur Jeffes, che nel 2009 aveva ricominciato a lavorare su quello che era rimasto del progetto paterno. Il titolo, che rimanda ad un mare di imperfezioni, è l'emblema dell'idea per cui la bellezza si può trovare nelle sfumature del caos. La vita va accettata nelle sue sfumature di bellezza
e nelle sue imperfezioni; riconoscerle nelle piccole cose e nella sue casualità rende invece valore al tutto.L'idea viene sottolineata con un artwork di copertina disegnato da Feld, sotto la direzione artistica del fondatore dell'etichetta Robert Raths, che quindi rappresenta una figura solitaria che si immerge nell'ambiente circostante. Si tratta di un disco quasi del tutto composto in solitaria, che comprende cover di pezzi elettronici dei Simian Mobile Disco e dei Kraftwerk oltre che un riarrangiamento di 'Now Nothing' di Simon. Arthur ha quindi scelto di sviluppare l'eredità jazz e folk della Penguin Cafe Orchestra e l'ha plasmata in un'atmosfera ambience e da dance music, ricreata usando esclusivamente strumenti acustici.
Si tratta di un disco che parla di partenze e di arrivi, di viaggi e di sogni, un mondo musicale che unisce sentimenti e leggerezza.
Un vero omaggio che Arthur Jeffes ha fatto al suo padre e alla storia di questa band, meritevole di essere rinnovata e riportata in vita con furore.

penguin cafe, the imperfect sea

Articoli correlati

Recensioni

Soul system - "back to the future"

13/10/2017 | leslie-fadlon

I soul system hanno pubblicato lo scorso settembre il loro primo album di inediti “back to the future”.    anticipato dal singolo in radio "liquido", '' back to ...

Recensioni

Gogol bordello - “seekers and finders...

04/10/2017 | leslie-fadlon

Sono finalmente tornati i gipsy punk rockers dei gogol bordello, questa volta con il disco “seekers and finders”, per la prima volta su etichetta cooking vinyl/edel. ...

Recensioni

Foo fighters - "concrete and gold"

22/09/2017 | leslie-fadlon

Comincia in maniera alquanto eloquente, con le parole ''i don't wanna be king i just wanna sing a song'' il nuovissimo disco dei foo fighters: "concrete and gold". dopo l...

2445150 foto scattate

15408986 messaggi scambiati

693 utenti online

1103 visitatori online